Mediterraneo frontiera di pace

Bari 19-23 Febbraio 2020

#Bari 2020. Patriarca Sedrak, pace è essere differenti e vivere insieme

#Bari 2020. Patriarca Sedrak, pace è essere differenti e vivere insieme

“Pace significa essere differenti e vivere insieme, completarci gli uni gli altri”. Lo ha sottolineato il patriarca di Alessandria dei Copti, Ibrahim Isaac Sedrak, forte dell’esperienza del suo Paese, l’Egitto. “Noi viviamo in un contesto con tante differenze, dove ci sono cristiani e musulmani, e anche i cristiani sono di diversi riti: cerchiamo di avvicinarci, di capirci a vicenda”, ha spiegato il Patriarca giunto a Bari, “una città di accoglienza”, dalla terra egiziana, “abituata ad accogliere, così come fece con la famiglia di Nazaret”. “Siamo arrivati con tutto ciò che siamo, con la nostra tradizione, la nostra liturgia, la nostra vita. Siamo prima di tutto egiziani”, ha rilevato.

 

  • #Bari2020: un anno dopo

    L’incontro "Mediterraneo frontiera di pace", sottolinea il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della CEI, è stato “la prima tappa, l’inizio di un cammino che era necessario intraprendere, per dare la nostra risposta col Vangelo ai problemi della Chiesa, alle nostre Chiese e alla società di oggi”.

    Leggi di più...

  • #Bari2020, un impegno che continua

    "Durante la crisi sanitaria, abbiamo continuato a lavorare per il prosieguo di questa esperienza", racconta il presidente della CEI.

    Leggi di più...

  • Nel Mediterraneo frutti da maturare

    A dieci mesi dall'evento di #Bari2020, mons. Raspanti, vicepresidente della CEI, traccia un bilancio e indica alcune prospettive concrete.

    Leggi di più...