Mediterraneo frontiera di pace

Bari 19-23 Febbraio 2020

Corridoi umanitari: martedì a Roma in arrivo 67 persone dal Niger

Corridoi umanitari: martedì a Roma in arrivo 67 persone dal Niger

Attraverso Caritas Italiana arriveranno, martedì 25 febbraio, 67 profughi dal Campo di transito in Niger gestito dall’UNHCR, che accoglie persone evacuate dai centri di detenzione libici.

Il loro ingresso in Italia è reso possibile dal Protocollo di intesa tra lo Stato italiano e la Conferenza Episcopale Italiana. La CEI, grazie a questi protocolli e ai fondi dell’8×1000 ha organizzato negli ultimi anni – in particolare tramite la Caritas Italiana e col sostegno delle comunità locali – corridoi umanitari, reinsediamenti ed evacuazioni umanitarie da Medio Oriente e Africa. È stato possibile in tal modo offrire vie di accesso ordinate e sicure ai paesi europei a migliaia di richiedenti asilo in condizioni di vulnerabilità, individuati nei campi profughi di Etiopia, Sudan, Giordania e oggi per la prima volta anche dal Niger.

Si tratta questa volta per lo più di persone di nazionalità sudanese, alcune sono del Camerun, del Togo e c’è una famiglia di siriani con problemi di salute. Tutte hanno sperimentato le dure condizioni dei centri in Libia.

Alle ore 14.00, all’aeroporto di Fiumicino, è prevista l’accoglienza ai profughi in arrivo e una conferenza stampa con la partecipazione di:

  • E. Mons. Stefano Russo, Segretario Generale della CEI
  • Alessandra Morelli, Rappresentante UNHCR in Niger
  • Oliviero Forti, Resp. Pol. migratorie e protezione internazionale di Caritas Italiana
  • Rappresentanti del Ministero dell’Interno e del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione internazionale

 

I giornalisti che intendono partecipare alla Conferenza stampa prevista per le ore 14 al Terminal 5 devono accreditarsi entro le ore 12 di lunedì 24 febbraio inviando una mail a itaropi@unhcr.org indicando la testata giornalistica e il numero di tessera professionale (o un documento).

 

Roma, 21 febbraio 2020

  • #Bari2020: un anno dopo

    L’incontro "Mediterraneo frontiera di pace", sottolinea il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della CEI, è stato “la prima tappa, l’inizio di un cammino che era necessario intraprendere, per dare la nostra risposta col Vangelo ai problemi della Chiesa, alle nostre Chiese e alla società di oggi”.

    Leggi di più...

  • #Bari2020, un impegno che continua

    "Durante la crisi sanitaria, abbiamo continuato a lavorare per il prosieguo di questa esperienza", racconta il presidente della CEI.

    Leggi di più...

  • Nel Mediterraneo frutti da maturare

    A dieci mesi dall'evento di #Bari2020, mons. Raspanti, vicepresidente della CEI, traccia un bilancio e indica alcune prospettive concrete.

    Leggi di più...