Mediterraneo frontiera di pace

Bari 19-23 Febbraio 2020

#Bari2020. Mons. Antiba, come cristiani portiamo la speranza

#Bari2020. Mons. Antiba, come cristiani portiamo la speranza

“Come cristiani portiamo sempre la speranza, che significa avere Cristo con noi”. Lo ha sottolineato mons. Nicolas Antiba, protosincello dell’arcieparchia di Damasco dei Greco-Melkiti, arrivato a Bari per l’incontro di riflessione e spiritualità “Mediterraneo, frontiera di pace” dalla Siria “dopo anni di guerra e di difficoltà”. “Avere Cristo con noi non vuol dire che tutto va bene, ma testimoniare”, ha spiegato mons. Antiba ricordando che “il testimone è anche martire, come dice l’etimologia”. “Nel Vangelo, Cristo – ha aggiunto – ci ha chiesto di essere suoi testimoni e la testimonianza va fino alla morte”.
Secondo il protosincello dell’arcieparchia di Damasco dei Greco-Melkiti, “la pace del Mediterraneo non verrà soltanto quando ci sarà la pace politica”. “Noi – ha concluso –  cerchiamo di essere prima di tutto pacifici con noi stessi, comprendere cosa vuol dire la pace e così possiamo aiutare anche i politici”.

  • #Bari2020: un anno dopo

    L’incontro "Mediterraneo frontiera di pace", sottolinea il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della CEI, è stato “la prima tappa, l’inizio di un cammino che era necessario intraprendere, per dare la nostra risposta col Vangelo ai problemi della Chiesa, alle nostre Chiese e alla società di oggi”.

    Leggi di più...

  • #Bari2020, un impegno che continua

    "Durante la crisi sanitaria, abbiamo continuato a lavorare per il prosieguo di questa esperienza", racconta il presidente della CEI.

    Leggi di più...

  • Nel Mediterraneo frutti da maturare

    A dieci mesi dall'evento di #Bari2020, mons. Raspanti, vicepresidente della CEI, traccia un bilancio e indica alcune prospettive concrete.

    Leggi di più...