Mediterraneo frontiera di pace

Bari 19-23 Febbraio 2020

#Bari2020. Mons. Hanna, preghiera, solidarietà e comprensione

#Bari2020. Mons. Hanna, preghiera, solidarietà e comprensione

“La sofferenza della gente, le sfide che affrontiamo tutti i giorni, la speranza”. Sono queste le “tre parole che possono riassumere la situazione della nostra popolazione e della Chiesa in Egitto”, ha spiegato mons. Botros Fahim Awad Hanna, vescovo di Minya, per il quale le Chiese possono dare un contributo fondamentale alla costruzione della pace nel Mediterraneo. Innanzitutto, ha sottolineato, in termini di “preghiera, che è la porta del Cielo e solo il Signore può aiutarci e sostenerci in questo periodo”; poi, “di solidarietà e di comprensione”. “Se uno è solo – ha osservato mons. Fahim Awad Hanna – la sua sofferenza è pesante, se invece sente qualcuno accanto, il suo dolore viene alleggerito”.

  • #Bari2020: un anno dopo

    L’incontro "Mediterraneo frontiera di pace", sottolinea il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della CEI, è stato “la prima tappa, l’inizio di un cammino che era necessario intraprendere, per dare la nostra risposta col Vangelo ai problemi della Chiesa, alle nostre Chiese e alla società di oggi”.

    Leggi di più...

  • #Bari2020, un impegno che continua

    "Durante la crisi sanitaria, abbiamo continuato a lavorare per il prosieguo di questa esperienza", racconta il presidente della CEI.

    Leggi di più...

  • Nel Mediterraneo frutti da maturare

    A dieci mesi dall'evento di #Bari2020, mons. Raspanti, vicepresidente della CEI, traccia un bilancio e indica alcune prospettive concrete.

    Leggi di più...