Mediterraneo frontiera di pace

Bari 19-23 Febbraio 2020

#Bari2020. Mons. Scicluna, Malta ha bisogno della solidarietà di tutti

#Bari2020. Mons. Scicluna, Malta ha bisogno della solidarietà di tutti

Malta è erede di “un’esperienza di accoglienza millenaria”.  Lo ha ricordato mons. Charles Jude Scicluna, arcivescovo di Malta e presidente della Conferenza Episcopale maltese. “Gli Atti degli Apostoli – ha spiegato – parlano dell’accoglienza che i maltesi riservarono a Paolo, Luca e a 274 persone naufragate sull’isola”. Ma, ha aggiunto mons. Scicluna, “Malta porta anche una sete di solidarietà: è un popolo di periferia, di frontiera, e con tutti questi flussi migratori ha bisogno della solidarietà degli altri”.
Secondo l’arcivescovo di Malta, tra i primi ad arrivare a Bari per l’incontro dei vescovi del Mediterraneo, “le Chiese devono aiutare le comunità a diventare oasi di accoglienza, oltre che portare il grido degli innocenti che nel mare trovano un cimitero blu”.

  • #Bari2020: un anno dopo

    L’incontro "Mediterraneo frontiera di pace", sottolinea il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della CEI, è stato “la prima tappa, l’inizio di un cammino che era necessario intraprendere, per dare la nostra risposta col Vangelo ai problemi della Chiesa, alle nostre Chiese e alla società di oggi”.

    Leggi di più...

  • #Bari2020, un impegno che continua

    "Durante la crisi sanitaria, abbiamo continuato a lavorare per il prosieguo di questa esperienza", racconta il presidente della CEI.

    Leggi di più...

  • Nel Mediterraneo frutti da maturare

    A dieci mesi dall'evento di #Bari2020, mons. Raspanti, vicepresidente della CEI, traccia un bilancio e indica alcune prospettive concrete.

    Leggi di più...